2 aprile 2009

Crumble di rabarbaro, mele e mandorle

crumble di rabarbaro, mele e mandorle

Lo scorso anno comprai una piantina di rabarbaro. La stagione era ormai inoltrata (credo fosse maggio) e si andava incontro al caldo (che il rabarbaro non ama particolarmente), la pianta era piccola e cresceva un po' stentata, nonostante fosse posizionata in un angolo piuttosto ombroso, nel giardino dei miei genitori. Ogni tanto ne tagliavo qualche gambo, che risultava però inutilizzabile tanto era striminzito.
Durante l'autunno e l'inverno, poi, l'ho praticamente dimenticata, presa com'ero da pensieri più pressanti e seri. Lei ha continuato a lavorare, rinforzandosi; così, quando qualche giorno fa sono andata a trovarla, l'ho trovata molto cresciuta, e i gambi ora cominciano ad essere più cicciottelli. Be', niente a che vedere con quelli che si trovano sui banchi dei mercati nord europei, del diametro di 3-4 cm e pesanti un etto l'uno. Però si cominciano a vedere dei progressi.
Spero che adesso, una volta potato il fogliame prodotto durante l'inverno, la pianta si rinvigorisca e mi dia qualche soddisfazione in più (ma poi, perché avere sempre tanta fretta? ogni cosa a suo tempo, o no?). Intanto mi sono ritrovata con 5 gambi, per un peso totale di ben... 100 grammi (non è molto, ma meglio di niente).

Cosa potevo fare con questo rabarbaro, se non un crumble? e quale, se non quello super aromatico di Danda?
Crumble che, mi pare ovvio, finisce dritto dritto nella plagio-raccolta della Trattoria, come già è successo ai biscotti di qualche post fa.
In questo caso, però, scrivo la ricetta, perché ho apportato due variazioni: nelle dosi (che io ho indicato per 4 cocottine individuali), e nell'integrazione del rabarbaro con mele renette (per raggiungere il peso necessario).

200 gr tra gambi di rabarbaro e mele renette, sbucciate e prive del torsolo
75 gr di zucchero semolato
1/4 di cucchiaino di zenzero in polvere (o di radice fresca grattugiata)
la buccia grattugiata di 1/2 arancia

60 gr di farina tipo 00
40 gr di mandorle macinate finissime
50 gr di burro a lamelle
50 gr di zucchero demerara
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di cannella in polvere

Pulire il rabarbaro (vanno utilizzati solo gli steli, senza foglie) e tagliarlo a rocchetti di circa 2 cm; tagliare a cubetti le mele. Mettere a cuocere (a pentola coperta) per 10 minuti la frutta con lo zucchero e la buccia d'arancia: non serve aggiungere acqua perché il rabarbaro rilascerà quella necessaria ad ottenere uno sciroppo abbastanza denso.
Nel frattempo preparare la copertura: porre gli altri ingredienti in una ciotola e lavorarli con la punta delle dita per ottenere delle briciole.
Suddividere la frutta in quattro stampini individuali da forno, coprire con le briciole e pressare leggermente. Danda lo cosparge di mandorle a lamelle.
Cuocere per 30 minuti nel forno preriscaldato a 180°, quindi sfornare, far intiepidire, cospargere di zucchero a velo e servire prima che si raffreddino.