8 gennaio 2009

Il tè greco di montagna, piacevole scoperta

La mia sorellina "quasi greca" questa volta mi ha portato, da quel di Salonicco, il tè più amato dai greci. Forse (anzi, certamente) qualcuno di voi già lo conosce, per me era una novità ed è stata proprio una scoperta piacevole.

sideritis syriaca

Non si tratta, in realtà, di vero e proprio tè, ma di una pianta che cresce sulle montagne del Mediterraneo orientale (qui in Italia la si trova al sud, per esempio sulle Madonie). Il suo nome botanico è Sideritis syriaca, in italiano viene definita Stregonia siciliana. In inglese è conosciuta anche come shepherd's tea, il tè dei pastori (ho inserito anche il link alla pagina in inglese perché più completa di informazioni rispetto a quella italiana). La pianta viene raccolta e fatta essiccare a mazzi, si utilizza tutto (fusto, foglie, fiori) facendone un infuso come per un normale tè, da servire preferibilmente con limone e miele. E' una bevanda molto amata nei Balcani meridionali (Grecia, Albania, Macedonia, Bulgaria). Qui trovate qualche suggerimento per il suo utilizzo.
E' molto buono, con un aroma che ricorda la tisana di tiglio, ed in questo periodo dell'anno è anche di grande aiuto per il nostro fisico, essendo da sempre utilizzato per combattere le infreddature invernali e potenziare il sistema immunitario.
Purtroppo non saprei dirvi come reperirlo in giro, nemmeno on-line mi pare di averne visto in vendita, ma se vi capita di andare in vacanza in Grecia o di avere qualcuno che ci abita, approfittatene per acquistarne (o per farvene mandare) un certo quantitativo, ne vale la pena. Lì lo si trova in qualsiasi negozio di generi alimentari.