17 novembre 2008

Il mio afternoon tea

Partecipo con grande piacere all'Afternoon tea award ideato da Twostella del blog Il giardino dei ciliegi.
Non sono una vera cultrice del tè, avevo già avuto modo di parlarne. E' una bevanda che mi piace, ma conosco poco di questo affascinante universo, e la pigrizia mi tiene lontana dal mettere in pratica in maniera costante il rito dell'afternoon tea.
Però ho i miei preferiti: il lemon-honey di Ctm Altromercato (che è un tè nero), e il Marco Polo rouge di Mariage Frères (un rooibos, senza teina, profumato con fiori e frutti rossi).
Di solito bevo il tè da solo, senza accompagnamento di cibi, anche se di pomeriggio. Con l'eccezione della domenica, perché la domenica è un giorno diverso dagli altri. Se siamo a casa il pranzo è una sorta di brunch tardivo (consumato verso le 13, spesso a base di focaccia salata o altri panini fatti in casa, verdure crude e cotte, rillettes, frutta, torta). E d'inverno, verso le 17, il tè si accompagna a dolcetti misti e tartine, cosicché talvolta si trasforma in una cena anticipata.
L'ideale, per me, è avere una torta al cioccolato, che è perfetta anche con il caffè: per esempio questa, oppure questa. Biscottini appena sfornati, come quelli della ricetta in calce a questo post, oppure i classici melting moments. Pane fatto in casa, o acquistato da un fornaio che lavori bene per davvero, con burro e marmellata di arance; per chi preferisce il salato, lo stesso pane con un velo di pasta di acciughe (so che qualcuno storcerà il naso, inorridito. Ma ho detto proprio un velo! si deve sentire appena), o dei classici toast prosciutto e formaggio, tagliati a quadrettini e serviti con un'oliva infilzata sopra.
E poi, amici con cui chiacchierare e tirare sera, cosicché l'afternoon tea diventi aperitivo e, perché no, cena informale.
Convivialità e relax, prima di essere riassorbiti dagli impegni che si ripresentano puntuali il lunedì mattina.
Oh, non fatevi strane idee: questi momenti capitano di rado. Molto più spesso la mia domenica pomeriggio è un susseguirsi di: hai finito i compiti? ti sei fatto la cartella per domani? chi entra in doccia per primo? stasera a letto presto! e via così...

Biscotti morbidi al cocco con miele e yogurt

Ingredienti per 40 pezzi:
250 gr di farina tipo 00
80 gr di cocco disidratato
150 gr di yogurt bianco intero
100 gr di miele dal sapore sostenuto (erica, rovo, eucalipto)
10 gr di lievito per dolci

Lavorare gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Staccarne dei pezzettini grandi come una noce, farne delle palline, porle su una teglia unta e infarinata (o foderata di carta da forno), schiacciarle leggermente. Preriscaldare il forno a 175° e cuocere i biscotti per 20 minuti. Spegnere e lasciare che i biscotti si raffreddino nel forno, per 5 minuti con lo sportello chiuso, poi mezzo aperto. Così si asciugheranno bene, pur rimanendo morbidi (grazie allo yogurt e al lievito).
Questi biscotti non sono particolarmente dolci, per renderli più graditi ai super golosi, si possono spolverarizzare di zucchero a velo, o oppure glassare.
Non contenendo né burro, né uova, né zucchero, sono perfetti per chi è a dieta.

biscotti morbidi al cocco con yogurt e miele