14 maggio 2008

Le paste con il tonno non son tutte uguali...

Nella mia famiglia non c'è mai stata una grande cultura della pasta. Non c'è mai stata una cultura della pasta, c'est tout.
La cucina di mia nonna era tipicamente "veneziana di campagna", a base di pesce (tantissimo), animali da cortile, uova, insaccati, tante verdure, funghi, erbe spontanee. Primi piatti di riso, minestre, gnocchi. Fatta eccezione per qualche piatto di spaghetti al burro e grana o con il pomodoro, la pasta per me era: i capelli d'angelo e i tortellini in brodo, i ditalini nella pasta e fagioli, le lasagne del pasticcio con il ragù. Tutto questo si è "cementato" quando mio padre è entrato a far parte della famiglia: traumatizzato in tenera età dalle bavette scotte nella minestra di fagioli di sua madre, mangiava solo riso.
Quindi io non ho mai mangiato un piatto di pasta con il tonno finché non sono stata grande e me lo sono preparata da me. A casa da mia madre tutt'ora nessuno mangia la pasta con il tonno. L'aspetto positivo di tutto ciò è che per me la pasta con il tonno non è quella sbobba veloce di chi non sa cucinare o non ha voglia di applicarvisi. Non è la pasta condita vuotandoci sopra una scatoletta di tonno e via in tavola.
Questa è una delle mie paste con il tonno.
(Alex, visto che ho mantenuto la promessa?)

MALTAGLIATI DI FARRO CON TONNO, PORRO, ASPARAGI E POLVERE DI LIMONE

Per 2 persone:
150 gr di maltagliati di farro (io uso questi, non è pubblicità, semplicemente per me sono i migliori, a meno che non li facciate in casa)
la parte verde di 1 porro (diciamo i primi 15 cm)
6-7 asparagi verdi
due bei filetti di tonno sott'olio (ventresca, se ne avete)
polvere di limone (fatta con il procedimento della polvere di buccia d'arancia)
olio e.v.o. sale
Affettare sottilmente il porro e sciacquarlo sotto l'acqua corrente (che un po' di terra rimane sempre). Pulire e tagliare a rocchetti gli asparagi. Gettare le verdure (tranne le punte degli asparagi) in una padella con un filo di olio e un pizzico di sale, farle appassire per 2 minuti, aggiungere 2 cucchiai d'acqua e cuocere a pentola coperta per 5 minuti. Spegnere, sbriciolarvi dentro i filetti di tonno e profumare con un bel pizzico di polvere di limone.
Cuocere i maltagliati (quelli che vi ho consigliato sono rapidissimi) in acqua salata, scolarli, versarli nel condimento, mescolare bene e distribuire nei piatti. Cospargere ancora con un po' di polvere di limone e decorare con le punte di asparagi tenute da parte (quindi crude).