19 aprile 2008

Che belle sorprese!

Ieri mattina ho aperto la finestra della mia camera e... sorpresa! qualcuno ha messo su casa tra le violette!

L'altro ieri mattina avevo trovato un buco in mezzo alle foglie. Non è la prima volta che i piccioni tentano di fare nido tra le mie piante, di solito però ci provano tra quelle commestibili, al che procedo al posizionamento di dissuasori "dolci" (bastoncini vari, di solito funzionano). Cosa che ho fatto anche stavolta. In genere gli "ospiti" desistono. In questo caso, non so se si tratti di piccioni, certo comunque sono volatili piuttosto intelligenti e determinati: ieri mattina, infatti, ho travato il bastoncino di turno cortesemente messo da parte, ed il nido bell'e pronto! Sono molto curiosa di vedere che cosa combineranno questi nuovi coinquilini.
La scorsa primavera i passerotti ne avevano fatto uno sul balcone davanti, in soggiorno: era un nido dolcissimo, fatto di muschio, fili di lana e di cotone che avevano raccolto in giro... era nascosto tra le foglie dei ciclamini, piccolo piccolo, me ne accorsi solo perché uno dei fili non era ancora stato avvolto come si deve, era lungo circa 1 metro e l'aria l'aveva attorcigliato intorno ai ferri della ringhiera. L'ho seguito a ritroso a mo' di filo di Arianna, ed ho scoperto la casetta dei passeri. I quali hanno deciso, con mio grande dispiacere, che il posto era troppo affollato, e si sono trasferiti da un'altra parte.

Un'altra bella sorpresa l'avevo avuta martedì mattina. Ho fatto la mia prima spesa al mercato dell'Altraeconomia, ed ho scoperto questa azienda agricola, che produce formaggi strepitosi. Ne ho acquistati di diverse tipologie, tutti da latte di capra, inclusa la ricotta.
Amo la ricotta, adoro mangiarla a cucchiaiate da sola, con una macinata di pepe sopra. E la uso molto in cucina. Così giovedì sera ho preparato una delle mie torte preferite: la crostata di ricotta e cioccolato.


Per uno stampo da 28 cm.
Preparare la frolla impastando velocemente 125 gr. di burro a cubetti, 250 gr di farina, 70 gr di zucchero (io uso quello di canna chiaro passato al mixer), 1 uovo, 1 pizzico di sale. Avvolgerla in pellicola trasparente e tenerla in frigorifero per 1 ora.
In una ciotola setacciare 350 gr di ricotta, amalgamarvi 2 tuorli, 4 cucchiai di zucchero (di canna chiaro, è quello che io utilizzo normalmente in cucina al posto dello zucchero semolato tradizionale), cioccolato fondente grattugiato (il quantitativo è variabile, dipende dai gusti: qui ce ne sono 70 gr.), infine unire i 2 albumi montati a neve fermissima. Stendere la pasta nello stampo imburrato e infarinato (o foderato di carta da forno, se come me vi dimenticate di tenere da parte un po' di burro per questa operazione!), pareggiarla bene tutto intorno e bucherellarla con i rebbi di una forchetta. ricoprirla con il ripieno di ricotta, infornare a 190° per circa 40 minuti (nel forno già riscaldato).