6 febbraio 2008

Un gusto nella mente di Dio... anzi, quindici!

La chiamata stavolta arriva da Moscerino, Mariluna e Valentina: mettere nero su bianco 15 accoppiate di sapori che, per la loro innata armonia, sembrino scaturite da una mente ultraterrena Il tutto nasce da una frase di John Lanchester, che definisce tali abbinamenti "combinazioni coesistenti da sempre in un rapporto che non è di semplice complementarietà ma sembra partecipe di un più alto ordine di ineluttabilità".
Io amo mangiare, e non è facile fare una scelta. Alcuni abbinamenti sono però dei punti fermi. Eccone 15 che mi fanno venire l'acquolina in bocca al solo pensiero, in rigoroso ordine sparso:

zucca e gorgonzola
pane e olio (d'oliva)
pane e noci
tahin e miele
yogurt e cetrioli
fragole e menta
cioccolato e menta
cioccolato e pere
uova e asparagi
cipolle+aceto+zucchero
fegato e cipolle
mele e spezie dolci
zibibbo e biscottini
seppie e carciofi
riso e piselli

E adesso tocca a... no, no, niente giro di inviti: lascio la porta aperta.